Borgo di Pagliari di Carona alta Val Brembana
 Borgo antico di Pagliari di Carona - alta Val Brembana
Pagliari di Carona alta Val Brembana
Home Page Alberghi e Hotel della Valle Brembana Bed and Brakfast Valle Brembana Bergamo Ristoranti in Valle Brembana
Il Bretto di sopra e sottoBorgo di Bretto
Sito a circa 800 mt di altitudine ricco di storia, in comune di Camerata Cornello.
Pagliari di Carona
CatremerioBorgo di Catremerio
paesello di montagna, a 988 mt di altitudine, gode di una posizione invidiabile e soprattutto di una singolare architettura.
Borgo di Pagliari Carona
CavagliaBorgo di Cavaglia
posto a 837 mt. di altitudine è insieme a Catremerio.
Pizzo CerroBorgo di Cerro
Numerose piccole contrade, compongono Cerro di Brembilla. Cadamone, Fustinoni, Chigavacca, Malvesuta....
Cornello dei TassoCornello dei Tasso
Cornello dei Tasso, in Valle Brembana, una delle località bergamasche dove meglio si è conservata la struttura architettonica medioevale.
GerosaGerosa e i suoi Borghi
è composta da diverse contrade e numerosi cascinali disseminati qua e là su per i fianchi del monte che sale alla Forcella di Bura.
Borghi Antichi
GrumoBorgo di Grumo
Borgo antico sito a 600 mt di altitudine in comune di San Giovanni Bianco, sulle pendici di Paglio di Dossena.
Borgo di Malentrata
Un tempo, come dice il nome stesso, era di difficile accesso per le asperità del fianco della montagna su cui sorge.
Oneta di ArlecchinoOneta di Arlecchino
appena sopra l'abitato di San Giovanni Bianco, la vecchia mulattiera conduce ad Oneta.
Pagliari di CaronaPagliari di Carona
borgo antico, fra i meglio conservati nella sua architettura rustica.
Pusdosso Isola di FondraBorgo di Pusdosso
posta a 1038 metri di quota, è la frazione più alta del Comune di Isola di Fondra è la più popolata.
SussiaBorgo di Sussia
e' un' antica frazione sopra San Pellegrino Terme raggiungibile percorrendo un'ora di comoda mulattiera, che parte dalla Vetta.
ValtortaValtorta e i suoi borghi
Valtorta sorge all’estremo settore nord-occidentale della Valle Brembana, ai piedi dei bastioni rocciosi del pizzo dei Tre Signori e dello Zuccone Campelli.

Home Val Brembana


Cucina bergamasca: Polenta Taragna, Polenta, Formai de Mut, Branzi, Formaggella, Ricotta Brembana, Agrì, Caprini, Taleggio, Strachìtunt

Gruppi Folkloristici: Gioppini, Maschere Dossena, Amis de Dosèna, Noter de Bergherm, Fior di Monte, Figli di Nessuno, Alegher di Dossena, Arlecchino e i Zani, Samadur

Musei Val Brembana: Museo della Valle, San Lorenzo di Zogno, Scienza Naturali, Museo dei Tasso, Casa di Arlecchino, Etnografico di Valtorta, Museo dei minerali

Trekking Vie Storiche: Strada Taverna, Via Mercatorum, Via del Ferro, Sentiero Alto Serio, Via dei Contrabbandieri

Pagliari

Il Borgo di Pagliari di Carona


PAGLIARI, la memoria nella Pietra. Lassu' dopo le ultime case di Carona, ai margini della strada che porta al Rifugio Calvi e, da qui, alle tante varianti della rete sentieristica delle Alpi Orobie spunta sulla destra, da una piccola quanto suggestiva radura, la Frazione di Pagliari.

Un borgo antico, fra i meglio conservati nella sua architettura rustica, che d'inverno appare come un unico sasso compatto e scuro, che si distingue sul tappeto immacolato della neve, mentre d'estate si stempera all’interno di un paesaggio più dolce e variegato, dove le lingue verdi dei pascoli e dei prati s’insinuano fra le stradine e i viottoli, dentro i suoi spazi aperti. Siamo nell’ultima valle dell'alto Brembo, nell’estremo avamposto bergamasco verso Nord, sotto gli imponenti contrafforti che dividono, e per certi versi uniscono, le valli orobiche da quelle della Valtellina. Le montagne che si allargano ad anfiteatro e che fanno da cornice alla superba cima del Pizzo del Diavolo, costituiscono, infatti, non solo lo spartiacque fra le due province limitrofe (Bergamo e Sondrio), ma anche l’epicentro di un’area culturale e commerciale fitta di sentieri e tracciati di comunicazione fra una valle e l'altra.

Pagliari, particolare del Borgo
La strada che porta al Calvi
Pagliari, particolare del Borgo
La strada che porta al Rifugio Calvi
Li percorrevano abitualmente dopo l’apertura della Via Priula, verso la fine del '500 i contrabbandieri diretti in Valtellina e nei Grigioni svizzeri, per praticare i loro traffici di piccolo cabotaggio, senza dover passare sotto le forche caudine della dogana veneta di Ca' San Marco. Dentro questo eden ancora intatto, lungo queste vie secondarie di traffici notturni, Pagliari è stata per secoli la “sentinella” dei viandanti, l'ultimo bivacco prima dello strappo finale sui tracciati transorobici.

Ancora negli anni '30 e '40 - racconta Angelo Riceputi, 63 anni, proprietario di una stalla a Pagliari - si vedevano scendere a Carona lunghe file di cavalli provenienti dalla Valtellina, che trasportavano pesanti carichi di forme di “formai de mut” alle casere di Branzi o in occasione della Fiera Zootecnica, dove gli allevatori riuscivano a spuntare guadagni più sostanziosi rispetto a quelli che raccoglievano sui loro mercati. Scendevano dai passi di Venina, Publino e Cigola, strombettando i corni, e a Pagliari facevano una prima sosta, per uno spuntino. A quei tempi, infatti, Pagliari era una frazione viva, dinamica, con le sue case tutte aperte e i suoi abitanti in pianta stabile, dediti all’agricoltura e all'allevamento. Tutto funzionava, secondo i ritmi scanditi dal tempo: l’osteria, la chiesetta di San Gottardo, la fontana.

Pagliari, le viuzze della frazione
Pagliari, porticato
Pagliari, le viuzze della frazione
Pagliari, porticato
Le stalle erano piene d’animali, sulle piazzette era un via vai di gatti e galline, le case avevano i fiori alla finestra e le strade erano tenute pulite dalle erbacce. Giù in fondo, nella valletta il fiume Brembo gorgogliava vivace, e le donne vi si recavano per lavare i panni. Il paese contava oltre 100 anime, e stagionalmente i maschi emigravano in Svizzera o in Francia. Ma questa era la normalità nelle valli brembane. Poi, dopo la guerra, le cose sono andate progressivamente cambiando, ed il bel villaggio alpino ha iniziato a spopolarsi.

L'antica "contrada di pietra" tutta costruita con il l'ardesia delle montagne vicine, ha pian piano chiuso i battenti, o meglio gli “scarnas” isolandosi dal centro di Carona, diradando i rapporti commerciali intervallivi ma soprattutto degradandosi nelle sue costruzioni, che venivano abbandonate. Soltanto gli anziani tenevano duro, rimanendo attaccati alle loro origini e, quindi, ai loro giacigli. Ancora gli inizia degli anni ’60 sotto i tetti di Pagliari viveva una dozzina di famiglie per un totale di 60 abitanti. Molte famiglie, soprattutto le più giovani, scesero a valle, nelle belle case di Carona, o si trasferirono in città verso le grandi fabbriche di Bergamo e Milano.


Borgo Antico di Pagliari Carona (seconda parte) ---->>>>>

Copyright (c) - Val brembana Web - All right reserved - webmaster Galizzi G. - Brembana Web
Provincia di Bergamo    Sentiero Orobie   Orobie Meteo   Sciare Bergamo   Brembana Valley   Valli Bergamasche - Comunità Brembana

Agriturismo Bergamo - bed and breakfast Bergamo - Rifugi Orobie - Camping Bergamo - Case Vacanza - Foto Gallery Val Brembana